Pubblicato il: 25 luglio 2019, 09:56 da Bernadette Giacomazzo 4,3 su 5
  • 3.69 Valutazione della comunità
  • 16 Votato l'album
  • 10 Gli ho dato un 5/5
Dai il tuo voto 24

Quando Beyoncé occupa uno spazio, qualsiasi spazio, è sicuro di dire che non lo occupa solo. Piuttosto, lo riprende, cambia lo stile e lo fa suo. Quindi, quando è stato annunciato, la leggenda moderna avrebbe contribuito con i suoi talenti al riavvio del CGI live action del 2019 Il Re Leone , era quasi una garanzia che avrebbe prestato la sua voce e il suo talento vocale al film (che è un delizioso, anche se superfluo, remake).



Gary ha lasciato Geordie Shore?

E avanti Il re leone: il dono , La signora Carter fa inciampare il nero fantastico - proprio come fa sempre - ed è il complemento perfetto per il film altrettanto imponente.





Mentre i confronti con lo scorso anno sono altrettanto galvanizzanti Pantera nera la colonna sonora abbonda - fino all'aspetto di Kendrick Lamar - Il re leone: il dono è molto più una miscela di vari stili neri americani moderni rispetto a quello più afrocentrico Pantera nera , e questo è ovviamente dovuto al confine che attraversa Beyoncé, il fulcro su cui ruota il resto dell'album - Beyoncé the Sun Queen, lo stato è.



Una traccia degna di nota è Find Your Way Back, apparentemente destinata a essere la Nala di Beyoncé che fa una serenata a Simba di Donald Glover, ma in realtà suona come una continuazione di Daddy Lessons del 2016 Limonata .

Il doppio significato dietro i testi come papà mi diceva, Guarda le stelle / È passato molto tempo, ma ricorda chi sei / Il cerchio della vita, ma un giorno, potrei non farcela / Il cerchio della vita, ma uno giorno, potrei non renderlo immediatamente evidente, e sono un bell'esercizio mentale anche per l'ascoltatore più casuale.



Altre canzoni sono un po 'più distintive e possono essere esclusive del film. Ciò include Brown Skin Girl, che presenta un'apparizione molto pubblicizzata dalla primogenita del problema della Regina del Sole - un Blue Ivy Carter - ed è, nella vera forma di Beyoncé, una celebrazione della Black Girl Magic. La stessa pelle che è stata rotta dalla stessa pelle che ha preso il sopravvento, è galvanizzante e responsabilizzante, anche per la popolazione meno melanica.

Tuttavia, non prendere Il re leone: il dono come un vero e proprio album di Beyoncé. Ci sono altre apparizioni degne di nota nell'album che meritano una menzione, incluso JAY Z e il co-protagonista di Beyoncé, Donald Glover, che assume il suo alter ego Childish Gambino, tutti e tre i quali trasformano MOOD 4EVA in una traccia neo-rivoluzionaria con la sua configurazione unica di chiamata e risposta - e, fedele al cenno dell'album all'Africa, anche includono le apparizioni di artisti africani meno conosciuti ma altrettanto importanti come Yemi Alade, Shatta Wale e Mr. Eazi.

Ma a parte l'intermezzo Rafiki di John Kani - ancora un altro, anche se casuale, annuisce e fa l'occhiolino Pantera nera , poiché Kani è forse meglio conosciuto dal pubblico americano come T’Chaka del film Marvel di grande successo - le introduzioni e gli intermezzi che presentano vari membri del cast del 2019 di Il Re Leone è l'unico vero inconveniente dell'album.

nuove canzoni r&b piccanti

vinci i biglietti per i brit awards 2014

Mentre qualcosa del genere servirebbe bene nella colonna sonora del 1994, in cui Sir Elton John e Tim Rice fungevano da fulcro, è piatto e suona datato in questa versione del 2019. Quando Seth Rogen e Billy Eichner interpretano Timon e Pumbaa nella colonna sonora di New Lesson, l'album virerà pericolosamente verso The Lion King 2: Electric Boogaloo territorio. E James Earl Jones è un tesoro nazionale, ma non c'è bisogno della sensazione di un mixtape di DatPiff con le sue varie interiezioni. (Ascoltare Darth Vader / Mufasa / King Jaffe Joffer su un album è meglio di DJ Khaled che urla su tutto? Sì, ma non è questo il punto con cui scaliamo la nostra musica.)

Questo è davvero uno dei primi album di Beyoncé - per così dire - in cui la creatività della signora Carter funge da vettore per un'altra visione creativa, piuttosto che come la visione creativa stessa.

Nel complesso, funziona ed è un altro gioiello della sua corona, uno che lei, nel complesso, può essere orgogliosa di chiamare sua.

Lunga vita alla Regina.