Pubblicato il 9 dicembre 2014, 10:00 da Homer Johnsen 3,5 su 5
  • 4.33 Valutazione della comunità
  • 58 Votato l'album
  • 37 Gli ho dato un 5/5
Dai il tuo voto 72

Il catalogo di Ghostface Killah è impressionante. Con l'uscita del suo nuovo album, 36 stagioni , Tony Starks ha ora rilasciato undici album in 18 anni. E la coerenza è sempre stata la chiave. Sopra Hombre de Hierro , ha introdotto i fan del Wu-Tang al suo marchio di narrazione e si è basato su di esso per la maggior parte del suo lavoro successivo. 36 stagioni è una continuazione di quella tendenza, con un'altra trama unica che si svolge sotto la superficie.

Un concept album, 36 stagioni è basato sul ritorno del personaggio di Tony Starks a Staten Island dopo nove anni (36 stagioni) di reclusione. Il suo ritorno non è altro che deludente; gli edifici sono fatiscenti, fannulloni transitori si muovono per le strade come zombi e una nuova generazione non può ricordare o comprendere la leggenda di Ghostface. In poche parole, il nuovo ambiente di Ghostface lascia il posto alle battute d'arresto che incontra, che si tratti di sparare e ferire gravemente, o di essere arrestato per mano di poliziotti disonesti. Fugge dalla morte, grazie a un intervento chirurgico d'urgenza eseguito dal dottor X (Pharoahe Monch), ambiguo e incredibilmente talentuoso. In riferimento alla copertina, Dr.X trasforma Ghostface in un tipo di mostro Bane o Jason Voorhees. Alla fine dell'album, agli ascoltatori viene presentato il suo nuovo alias, GFK, che al momento del rilascio dal carcere è il difensore della città.










Prevedibilmente, l'album è ridicolmente lirico. I fan dell'hip hop di tutte le passeggiate saranno contenti della presenza di veterani come IL (che rappa in cerchio intorno alla maggior parte dei suoi colleghi rap) su cinque tracce, Kool G Rap (l'OG e la dinamo lirica) su tre e Pharoahe Monch. Ciascuno degli artisti sopra menzionati, Ghostface incluso, suonano vocalmente come se stessi 20 anni fa. Accanto ad AZ e Kool G Rap su The Battlefield, Ghostface sputa: E il mio nome è svanito come dei vecchi dannati calzini / Voglio rispetto, queste strade una volta erano il mio parco giochi / Ero il Mack al 110 ° posto in queste acrobazie / Nemmeno una volta sarebbe un negro mettimi alla prova o diventi piccante / camminavo per strada e starnutivo, mi benedicevano tutti. Queste parole sono specifiche per la storia che viene raccontata, ma funzionano anche nel contesto del gioco Rap di oggi.



La produzione è principalmente gestita da The Revelations, che suona tutta la musica durante il racconto cupo. Servono anche come narratori silenziosi durante il racconto dei fumetti spesso ascoltato. Un certo tema è stabilito all'inizio dell'album e ci sono anche tre numeri di R&B sparsi. Queste canzoni, che abbiano successo o meno, aggiungono un'altra dimensione all'LP. Kandace Springs è un bel cambio di ritmo su Bamboo’s Lament, e The Revelations fornisce una cover divertente ma divertente di A Thin Line Between Love And Hate dei Pretenders. Tuttavia, per la consistenza lirica dell'album, la produzione è in ritardo con una forte dipendenza da sequenze narrative pulite e accuratamente arrangiate. Per un presentatore che vive tra quelli che spesso suonano come inseguimenti in macchina caotici e rap non sequitur che esplodono come stelle cadenti, la produzione finisce per circondare parte della sua frenetica energia. Nella prima metà dell'album, i ritmi sembrano stabilire una tendenza per le melodie di pianoforte rilassate, mentre la seconda metà è un po 'più casuale. I ritmi iniziano a diventare inclini alla monotonia, a volte esponendo gli zinger meno ispirati di Ghostface, quando applicabile. Accanto a un album come Spina di pesce , per esempio, una banda di produttori ha contribuito a stabilire una certa freschezza da una canzone all'altra. 36 stagioni manca della diversità catturata nei lavori precedenti di Ghostface.

36 stagioni potrebbe non essere il più grande progetto di Ghostface, ma è un'altra notevole aggiunta alla sua vasta mole di lavoro. Rappare insieme a Kool G Rap e AZ per la maggior parte dell'album è sicuramente un piacere, ei due hanno i loro momenti di gloria. La produzione, d'altra parte, semplicemente non mantiene il dinamismo lirico presente tra Ghost, Pharoahe Monch, AZ e G. The Revelations fa un lavoro ammirevole, ma le nitide vignette rubano alcune delle cinetiche grezze che guidano un fantasma superlativo progetto.