Pubblicato il: 14 dicembre 2019, 14:51 da David Aaron Brake 3.0 su 5
  • 3.29 Valutazione della comunità
  • 7 Votato l'album
  • 4 Gli ho dato un 5/5
Dai il tuo voto undici

Leray, la traccia di apertura dell'ultimo mixtape di Trippie Redd, Una lettera d'amore per te 4 , inizia con il rapper nato in Ohio che consegna un messaggio parlato a un ex. È stato amore a prima vista e sofferenza dopo due mesi, recita mentre una chitarra acustica suona in sottofondo. Il messaggio di Trippie continua a diffondersi - Comunque, la parte migliore di noi ero io / Quando sei arrivato con me eri un genio / Ora senza di me, devi vivere la vita come un idiota, dice Redd in quello che potrebbe essere l'amore più infantile lettera nella storia del rap. Sembra quasi che Trippie abbia iniziato il suo monologo senza sapere come sarebbe finito.

Sfortunatamente, questo è rappresentativo di problemi coerenti nel progetto a 21 binari.










Sopra ALLTY4 , Trippie ci porta in un viaggio emotivo attraverso il suo crepacuore personale e le esperienze che navigano in una nuova vita da single. Nel corso dell'ora ascolta, Trippie ci porta attraverso un ottovolante di - depressione e disperazione si evolve rapidamente in odio e rabbia. È un'impresa impressionante e in qualche modo ha successo - i sentimenti che esprime in questo progetto sembrano genuini - ma non si sentono necessariamente rivelatori. Big 14 offre ai fan un assaggio delle sue canzoni più tradizionali, con ballate singole come Who Needs Love e Hate Me che presenta un verso di YoungBoy Never Broke Again, entrambi i quali mostrano la maestria di Trippie dei toni ispirati alle emo, resti di SoundCloud era della sua carriera.

Per quanto caotica possa sembrare una rottura, ALLTY4 manca la coesione necessaria per esprimere ponderatamente alcune delle complessità dell'amore e delle relazioni. Il progetto è disseminato di tracce cliché che servono più da riempitivo che da dialoghi accattivanti. Tracce come Love Me More e Til The End of Time sono tentativi di inni pop ispirati a Post Malone, ma si manifestano come una raccolta e un distillato di temi banali.



Il successo in questo progetto arriva quando Trippie oscilla dalla monotonia degli strumentali melodici, scegliendo invece di propendere per sintetizzatori abrasivi e percussioni staccato. Il Grinch abbina un rabbioso Trippie Redd con un ritmo apocalittico di Pi'erre Bourne per una consegna breve ma esplosiva. Dopo The Grinch, c'è l'affascinante traccia collaborativa di Trippie con DaBaby, Death, ed è anche uno dei rari momenti del mixtape in cui Trippie sembra seguire un pensiero fino al completamento.

Ma è un momento di breve durata, poiché le prossime due canzoni RMP e M's, con Lil Yachty e Pi'erre Bourne, ci riportano nel ciclo di suoni tiepidi e poco brillanti. I collaboratori sono ampiamente incoerenti durante tutto il progetto. Alcuni versi degli ospiti aggiungono la necessaria diversità, come il contributo di Tory Lanez su Sickening e gli sputi roca di Lil Wop nel brano Il libro della giungla. Altre volte, gli artisti presenti sembravano essere appiccicati come un ripensamento: Smokepurpp, Lil Mosey e il tardo Juice WRLD sono usati in modi convenzionali e poco interessanti.



I talenti di canto e rap di Trippie non sono in discussione ALLTY4 - può facilmente compilare una canzone passabile e ascoltabile, ma il progetto manca di un tema guida. Per gran parte del mixtape, Trippie si presenta stantio e guardingo, frustrante, offre occasionalmente uno scorcio di vere promesse, momenti che purtroppo sono persi e dimenticati in un progetto complessivamente benigno.