Pubblicato il: 1 giugno 2019, 23:01 da Riley Wallace 2,9 su 5
  • 0 Valutazione della comunità
  • 0 Votato l'album
  • 0 Gli ho dato un 5/5
Dai il tuo voto 0

Venendo dall'attesissimo LP Beast Coast Fuga da New York , i membri del collettivo Issa Gold e AK the Savior - meglio conosciuti come The Underachievers - hanno regalato ai loro fan il terzo capitolo della loro serie Lords Of Flatbush.



Come la loro prima uscita dal 2018 Dopo la pioggia , il progetto è un ascolto breve e dolce intriso di paesaggi sonori oscuri e argomenti mediocri (e in alcuni casi generici) che non riescono a catturare il valore di riproduzione di alcune delle più brillanti offerte della loro discografia.





La più grande rovina del progetto è la monotonia di cui soffre la produzione ripetitiva e deludente di YDNA e argomenti comuni che lo rendono un corpo di lavoro facilmente dimenticabile. Ci sono alcuni punti luminosi; Rowdy mette in mostra sottili scatti che sembrano completare bene i loro schemi di rime a doppio tempo. Il più vicino Randy Moss dell'album riesce a trasudare la giusta energia ed equilibrio che la maggior parte del progetto sta tentando di catturare.



Dove piacciono le loro versioni più acclamate Indigoismo o Evermore: The Art Of Duality sono stati lodati per la loro fusione di elementi trap, boom bap, jazz e psichedelici come sfondo del loro marchio di estetica consapevole e confusa. Il loro album passato Dopo la pioggia è stato pesantemente criticato per il tentativo del gruppo di fornire quello che rappresenta il loro progetto più hip hop, un cambiamento rispetto al suono intorno al quale hanno costruito la loro base. Signori di Flatbush 3 sembra un tentativo casuale di fornire ciò che sembra l'opposto - dal punto di vista sonoro.

Meno di un lavoro ingrato da ascoltare rispetto ad alcune delle loro versioni più deboli - in nove canzoni relativamente brevi - l'abilità tecnica del duo come rapper è enormemente soffocata dal duro lavoro sonoro che sembrava arrestare molta della creatività che ci aspettiamo da loro. La dualità è qualcosa che sono diventati davvero bravi a offrire agli ascoltatori; sfortunatamente, quando mettono tutte le uova nello stesso paniere, i risultati mancano di lucentezza.