Pubblicato il: 1 luglio 2010, 22:07 da Omar Burgess 4,5 su 5
  • 4.50 Valutazione della comunità
  • 143 Votato l'album
  • 105 Gli ho dato un 5/5
Dai il tuo voto 392

È difficile trovare un artista di qualsiasi genere musicale che sia nel gioco da 16 anni e abbia venduto oltre 15 milioni di album di cui dubitiamo. Ma sotto alcuni aspetti, questa era la posizione in cui si è trovato Big Boi degli Outkast nel 2009, quando i piani per pubblicare il suo album solista si sono bloccati per il secondo anno consecutivo. Il track record combinato di Andre e Big Boi parla da solo. Ma se sottrai Speakerboxxx / The Love Below dall'equazione, i rispettivi curriculum da solista di Big Boi e André consistono solo in una manciata di ruoli recitativi, alcune compilation e la polarizzazione Idlewild colonna sonora.

Nei sette anni trascorsi da allora Speakerboxxx / The Love Below caduto e successivamente venduto oltre 11 milioni di copie, i due uomini che alcuni sostengono di essere diventati il ​​più grande duo di Hip Hop hanno venduto pitbull, vestiti e alcuni biglietti per il cinema, quasi tutto tranne che per un altro vero album degli Outkast.



Probabilmente non vedremo un altro gruppo che offre fino al 2011, ma Big Boi prende volentieri da dove Speakerboxxx interrotto, vacillando tra un B-boy che parla di merda, un veterinario che sputava commenti sociali e un signore con l'occhio vagabondo. Tracce come Turns Me On e Tangerine avrebbe potuto facilmente essere sostituito da The Way You Move del 2003, il che non è certo un male. Il marchio di fabbrica della famiglia Dungeon, le spesse linee di basso guidate da 808 sono completate da strumentazione dal vivo e vocalist che accentuano le canzoni senza assecondare la radio Top 40, dimostrando che Big Boi è riuscito a superare il difficile compito di trovare una formula vincente senza diventare stereotipato.








Ovviamente consapevole della sua eredità e ancora più che disposto a competere e collaborare con i suoi coetanei, Big evita la trappola in cui cadono così tanti presentatori di compartimentare uno qualsiasi degli argomenti dell'album in una canzone. Con Somethin's Gotta Give del 2008 essenzialmente che serve come un mulligan, non c'è una canzone da club o una mano pesante, questa sono un'offerta socialmente consapevole. Su Seguici, gestisce la gamma di tutti gli argomenti dell'album in meno di otto battute, dicendo, so che alcuni di voi hanno scritto un negro / Come i contratti di locazione su queste auto e queste case che pensi siano state comprate / Resta allora / Con così tanti capi perché stanno ancora licenziando i negri dal loro lavoro / Negro per davvero / Dai un concerto a un negro allora / Aiuta un fratello a tirarsi fuori da questo porcile / Ma nessuno vuole tenerlo a fare la prostituta o centodieci / Quindi con questa penna / illustro dall'interno ...

Oltre a mostrare il suo flusso agile e sottovalutato, Sir Lucious Leftfoot La migliore qualità è il modo in cui gli ospiti vengono aggiunti senza problemi senza mettere in ombra Big Boi. Ascoltare la metà sottovalutata di Outkast accanto a nuovi arrivati ​​come B.o.B e Yelawolf è un promemoria del suo orecchio per trovare talenti emergenti. Dopotutto, Big Boi è stato determinante nella carriera di artisti come Killer Mike, Janelle Monae, Slimm Calhoun e Vonnegutt. Mentre uno sguardo alle note di copertina ti dirà che tutte le tracce tranne tre hanno caratteristiche come ospiti, la realtà è che Big tiene più o meno le cose su metà dell'album relegando gli ospiti ai ritornelli.




Widget di Amazon.com Dato il suo successo nel fondere l'estetica Rap moderna con il progetto tracciato da O.G. come Too Short, UGK e 2 Live Crew, ha nominato, Sir Lucious Leftfoot è essenzialmente un esercizio di contraddizione riuscito. Fa tutto ciò che i rapper privi di fantasia che si prende per compito - comporre canzoni sulla caccia al culo, suonerie personalizzate (Theme Song) e ha persino il tanto diffamato Gucci Mane nel suo album (Shine Blockas). La differenza è che Big Boi suona alla grande dando una nuova svolta a tutto quanto sopra, quindi perché nitpick? Questa volta gli ascoltatori possono giudicare Big Boi senza giustapporre il suo album proprio accanto a quello di Andre 3000. È l'equivalente audio di vedere Scottie Pippen prosperare nel triangolo offensivo mentre Michael Jordan inseguiva i flyball nei campionati minori e si rendeva conto di quanto fosse bravo Pip da solo. L'assolo volante di Big Boi non è buono come un album degli Outkast, ma è un ottimo antipasto fino a quando non arriva il prossimo. Inoltre, quando arriverà il 2011, probabilmente lo considereremo una delle migliori offerte dell'anno.