HipHopDX

Con circa 200 album recensiti su HipHopDX nel 201 4, presentiamo la nostra lista annuale dei 25 migliori album Hip Hop degli ultimi 12 mesi, votata da una raccolta di 31 giornalisti Hip Hop. Con due dozzine (più una) impressionanti uscite al dettaglio dal mainstream e dall'underground, veterani rispettati e debutti solisti tanto attesi, questi sono i nostri migliori (o preferiti) album del 2014.



Nota dell'editore: Questo elenco è presentato cronologicamente, nell'ordine in cui gli album sono stati pubblicati. Questa non è una lista classificata.





lordsteppington.jpg

Lord Steppington di Fratellastri

Rilasciato: 21 gennaio 2014
Etichetta: Rhymesayers Entertainment
Posizione più alta nel grafico: # 60
Produttori: L'alchimista e le prove
Ospiti: Domo Genesis, The Whooliganz, Styles P, Action Bronson, Roc Marciano, Fashawn, Rakaa, Blu e Oh No



Durante l'ascolto Lord Steppington , è un po 'difficile credere Step Brothers: prove e L'alchimista Non sono davvero fratellastri o anche veri fratelli. La sinergia con cui collaborano è inquietante, un sottoprodotto di un'amicizia vecchia di decenni e di impegni individuali per lo stesso marchio di coerenza. I due hanno un talento per gli scherzi sottili che sanguinano attraverso le loro consegne impassibili e si giocano perfettamente l'uno con l'altro, come se lavorassero insieme da sempre. Insieme a un who's who dei talenti rap underground di vari mercati di nicchia - Domo Genesis, Action Bronson, Roc Marciano, Blu, Fashawn e Styles P di Odd Future - Step Brothers è riuscito a realizzare un album che è quasi tutto divertimento e giochi costruiti su una base. di determinazione e duro lavoro.

Quello che abbiamo detto allora:

Nonostante il suo titolo abbottonato, non troverai alcun commento pesante Lord Steppington . La natura tagliata e incollata si presta ai membri dell'attuale generazione di ADD e ai fan del lavoro più recente di Alchemist, ma il progetto aderisce ancora ai principi dell'hip hop superiore. L'evidenza interpreta l'uomo etero in questo doppio atto. Passa senza soluzione di continuità tra brevi riflessioni sul mondo del rap, il suo posto in esso e praticamente nulla.



Cilvia.304.jpeg

Cilvia Demo di Isaiah Rashad

Rilasciato: 30 gennaio 2014
Etichetta: TDE
Posizione nel grafico più alta: # 9
Produzione: Ross Vega, Mr.Carmack, Joseph The Stranger, Black Metaphor, The Antydote, Farhot, Sounwave, Chris Calor, D.Sanders, Danny Dee
Ospiti: ScHoolboy Q, SZA, Jay Rock, Michael DaVinci

Prima che il 2014 arrivasse e finisse, nessuno si aspettava davvero che Isaiah Rashad pubblicasse l'album più forte del campo TDE per l'anno, ma non c'erano quasi dubbi all'indomani del Cilvia Demo . Il nativo del Tennessee ha lasciato a malapena asciugare l'inchiostro sul suo contratto con Top Dawg prima di avere Internet che ronzava. Nell'album, difficilmente un dettaglio della vita di Rashad è lasciato sul tagliere. Entra liberamente nel suo passato travagliato, come la propensione al suicidio e le sue opinioni contrastanti verso suo padre.

Quello che abbiamo detto allora:

Come è diventata tradizione da Top Dawg Entertainment, l'EP più vicino I Shot You Down è tutto incentrato su persone che parlano ad alta voce e dicono tutto. È in Isaiah Rashad, un giovane che nel brano di apertura Hereditary racconta come [suo] papà gli ha insegnato a bere il [suo] dolore e come [suo] padre gli ha insegnato a lasciare qualcuno, ritrovando se stesso in una situazione ideale con un gruppo di ragazzi con percorsi simili è la realizzazione che scalda il cuore che permette a questo EP di avere successo.

scHoolboy-q-oxymoron.jpg

Ossimoro di ScHoolboy Q

Rilasciato: 25 febbraio 2014
Etichetta: TDE
Posizione nel grafico più alta: # 1
Produzione: Nez & Rio, Sounwave, Pharrell, THC, Gwen Bunn, Mike Will Made-It, Marz, Swiff D, Willie B, Tyler The Creator, LordQuest, DJ Dahi, The Alchemist
Ospiti: Jay Rock, Kendrick Lamar, 2 Chainz, BJ The Chicago Kid, Kurupt, Tyler The Creator, Raekwon

Anche se non è proprio il pugno profondamente personale allo stomaco che Abitudini e contraddizioni era, Ossimoro è uno studio esperto in rimbalzo. L'autoproclamato Man of the Year trascorre la maggior parte dell'album allettando i fan con brani che si potrebbero effettivamente tollerare al club con canzoni come Collard Greens e Hell of a Night, ma aggiunge alla sua autobiografia musicale con brani come Break The Bank e Hoover Street. Se tutti gli artisti facessero offerte non così sottili per la riproduzione radiofonica con la stessa attenzione alla qualità di Ossimoro trasuda, la frase Hip Hop è morto alla fine andrebbe incontro alla sua stessa morte.

Quello che abbiamo detto allora:

charlotte geordie shore fidanzato mitch

In definitiva, i bei momenti sono alla pari con quelli che saranno considerati i punteggi più alti del 2014 e, se mantenuti, non sono stati mantenuti agli elevati standard di battute d'arresto e Abitudini e contraddizioni , I punti bassi di Q sarebbero accettabili da un altro rapper. Dato il crescente appeal di TDE, Ossimoro non è proprio un'offerta d'élite, ma soddisfa il difficile compito di attirare fan occasionali senza allontanarsi troppo dalla formula che ha attratto il pubblico principale di ScHoolboy Q.

madgibbs-pinata-304x304.jpg

Piñata di Freddie Gibbs & Madlib

Rilasciato: 18 marzo 2014
Etichetta: Madlib Invasion
Posizione nel grafico più alta: # 39
Produttori: Madlib
Ospiti: Danny Brown, Raekwon, Domo Genesis, Felpa Earl, Ab-Soul, Poliestere, Bj the Chicago Kid, Casey Veggies, Domo Genesis, G-Wiz, Mac Miller, Meechy Darko, Sulaiman

Freddie Gibbs e Madlib's Piñata erano passati anni e il loro primo EP collaborativo - quello che sarebbe stato giustamente definito un 12 singolo negli anni passati - è stato pubblicato nel 2011. Gli altri due singoli che hanno portato e hanno contribuito a truccare Piñata nei due anni successivi hanno creato aspettative, ma alla fine non hanno sminuito l'album finale. Una delle cose più affascinanti e durature Piñata è esattamente quel matchmaking stravagante. Gibbs ha ammesso in un'intervista con HipHopDX all'inizio di quest'anno che probabilmente avrebbe rifiutato una collaborazione di un intero album con Madlib se gli fosse stato chiesto cinque anni fa, e probabilmente non dobbiamo chiederci cosa pensasse Madlib di Gibbs allora. La migliore produzione di Madlib degli ultimi anni - stravagante come sempre, funky, barebone - non fa che amplificare il flusso costantemente agile di Gibbs sull'intero disco, e la musica sembra aver voltato pagina per l'emcee dell'Indiana. Dal diss di Jeezy all'inno al pollo fritto Harolds, Gibbs ha avuto il massimo Piñata , e se può o meno crescere da qui è la domanda che aspettiamo di vedere una risposta nel 2015 e oltre.

Quello che abbiamo detto allora:

Come Gangster Rap, Piñata è privo di pretese concettuali; è una fetta più che una tesi. È anche un nuovo punto di riferimento per Gibbs e potrebbe diventare un biglietto da visita per la carriera. Se non altro, suona subito come uno dei migliori dell'anno.

YG _-_ My_Krazy_Life.jpg

My Krazy Life di YG

Rilasciato: 18 marzo 2014
Etichetta: Def Jam Recordings, Pu $ haz Ink, CTE World,
Posizione nel grafico più alta: #Due
Produttori: Young Jeezy (esec.), YG (esec.), Sickamore (esec.), B Wheezy, C-Ballin, Chordz, DJ Mustard (anche esec.), Metro Boomin ', Mikely Adam, Terrace Martin, Ty Dolla Sign
Ospiti: ScHoolboy Q, Jay Rock, DJ Mustard, Tee Cee, Jeezy, Rich Homie Quan, TeeFlii, Tory Lanez, Drake, Kendrick Lamar, Ty Dolla Sign, Big TC, RJ

Insieme a una manciata di altri dischi quest'anno, YG's My Krazy Life va in faccia a chi dice che l'Hip Hop regionale è in declino. L'album, una raffinata progressione di un rapporto di lavoro tra il suo rapper e DJ Mustard, centra la West Coast al punto che è difficile immaginare di essere da qualche altra parte durante l'ascolto. YG non è confuso riguardo al suo posto e ha un modo di portare gli ascoltatori con sé in un viaggio che non sembra artificioso ma naturale. Mustard costruisce semplici numeri ossessionati dalla fascia bassa che rendono giustizia all'attacco a flusso libero di YG al microfono. È stato un buon anno per Gangsta Rap e i rappresentanti di YG Compton come fecero le sue più grandi star all'epoca della sua nascita nel 1990. In qualche modo, è rinfrescante.

Quello che abbiamo detto allora:

Consapevole del suo pubblico coinvolto nei brividi a buon mercato della vita notturna spensierata, YG mira a My Krazy Life per ottenere un appeal universale raggiungendo i club. Il grossolano Sinistra destra è sicuro di accontentare il suo gruppo di coetanei a caccia di carne che entra nella prima età adulta, e la spavalderia allacciata Chi ami? dovrebbe prosperare tra la folla dei Top 40, grazie a una solida apparizione da parte di Drake. Dove questi momenti sono in linea con il movimento attualmente dominante DJ Mustard costruito da zero, Really Be (Smokin N Drinkin) prende una svolta improvvisa per allontanarsi dalla sceneggiatura. Sfogandosi sullo stress tra cui la paranoia e le pressioni della fama, YG mette da parte il suo maschilismo per reggere il confronto con una raffica di petardi leader del rap Kendrick Lamar. Questo gradito sguardo alla realtà è insolito per un presentatore noto per vantarsi della sua reputazione criminale guadagnata duramente e abilità con una varietà di donne.

mobb_deep-infamous2014_304-304x304.jpg

Il famigerato Mobb Deep di Mobb Deep

Rilasciato: 1 aprile 2014
Etichetta: Record famigerati, RED
Posizione nel grafico più alta: # 49
Produttori: Havoc, Illmind, Michael Uzowuru, Boi-1da, The Maven Boys, The Alchemist, Kaytranada, Salaam Remi, Seven Thomas, Gabriel Lambirth, Karon Graham, Om'Mas Keith e Beat Butcha
Ospiti: Snoop Dogg, The Lox, Mack Wilds, Bun B, Juicy J, Busta Rhymes, French Montana, Nas, Raekwon, Ghostface Killah, Infamous Mobb, Big Noyd, Crystal Johnson, Killer Black, Karate Joe e Twin Gambino

Dopo alcuni anni tumultuosi che hanno visto una pausa indefinita, una faida su Twitter alimentata da accuse di hacking e un record di diss interni, i Mobb Deep sono stati in grado di conciliare le loro differenze in una riunione al festival Paid Dues dello scorso anno e durante le sessioni per l'album solista di Havoc , 13, sono stati in grado di produrre Il famigerato Mobb Deep , un album che si rifà al loro grintoso debutto al secondo anno. Il progetto include extra bonus deluxe da quelle stesse sessioni del 1994, comprese versioni alternative di Eye For An Eye, Temperature's Rising e Survival of the Fittest. Al di fuori del nostalgico flashback, Il famigerato Mobb Deep è anche pieno zeppo di nuova musica che mette alla prova le nuove riprese di interessanti produttori emergenti come Boi-1da (Legendary, Low) e Kaytranada (My Block) e aggiunge volti nuovi che non ti aspetteresti (Mack Wilds, French Montana e Juicy J).

Cosa abbiamo detto:

Un album in due dischi, il secondo atto di Il famigerato Mobb Deep è una raccolta di tracce lasciate fuori L'infame . Il loro singolo di successo Eye For An Eye è incluso con un ritmo diverso - campionando I Wish You Were Here di Al Green - così come un verso di Ghostface Killah. Il secondo disco offre molto in termini di nostalgia, ma funziona bene anche giustapposto al primo. Quando Raekwon ed Eminem hanno pubblicato i sequel in ritardo di Solo costruito 4 Cuban Linx ... e L'LP di Marshall Mathers rispettivamente, hanno parlato di dover tornare allo spazio di testa che ha consentito per questi classici originali.

monch-ptsd_304-304x304.jpg

P.T.S.D di Pharoahe Monch

Rilasciato: 15 aprile 2014
Posizione nel grafico più alta: # 19
Produzione: Pharoahe Monch, Marco Polo, Jesse West, Lee Stone, Quelle Chris, The Lion Share Music Group, DJ Boogie Blind, B.A.M., The Stepkids
Ospiti: Pensiero nero, Talib Kweli, The Step Kids, Dr.Pete, Ashley Grier, dEnAuN

Pharoahe Monch non è mai stato uno che ha fretta di pubblicare in studio, quindi quando P.T.S.D ha colpito tre anni dopo il suo ultimo album acclamato dalla critica GUERRA. (Siamo rinnegati) è stato rilasciato, gli intenditori di musica se ne sono accorti. Anche i fan più riservati dell'Hip Hop sono stati estremamente veloci nel classificare l'album con entrambi Affari interni e Desiderio ... e con una buona ragione. Come gli altri album nel suo catalogo, P.T.S.D si basa principalmente su un tema centrale: il disturbo post traumatico da stress di cui soffre un veterano al suo ritorno a casa dalla guerra. Monch potrebbe non ottenere mai il dovuto come uno dei più forti provocatori sociali dell'hip hop, ma sta benissimo pubblicando brani come Bad MF, Time2 e Broken Again, contenenti alcune delle barre più forti della sua carriera.

Quello che abbiamo detto allora:

I puristi di Monch che si aspettano di ascoltare un album pieno delle sinistre rime sulla scia di Internal Affairs ora vivono ufficialmente nel passato. Proprio come con GUERRA. e desiderio, P.T.S.D . cerca di ottenere qualcosa di più che mantenere caldo il posto di Pharoahe nelle liste sottovalutate; invece, è un motivo per metterlo tra Chuck Ds e Ice Cubes come una delle voci sociali più acute dell'hip hop.

1-radici-e-poi-spara-a-tuo-cugino.jpg

... E poi spari a tuo cugino di The Roots

Rilasciato: 19 maggio 2014
Etichetta: Def Jam
Posizione nel grafico più alta: #undici
Produzione: Mike Jerz, Trapzillas, Richard Nichols, Black Thought, Questlove, Damion Ward, Karl Jenkins, The Wurxs, D.D. Jackson, Joseph Simmons, Ray Angry
Ospiti: Patty Crash, Greg Porn, Modesty Lycan, Dice Raw, Mercedes Martinez, Raheem Devaughn

The Roots ... Un diligente seguace degli album dei The Roots durante i loro giorni di Jimmy Fallon potrebbe essere convinto che siano improvvisamente dei nativi di Philadelphia molto depressi. Tuttavia, Questlove è stato registrato affermando che il gruppo voleva raccontare storie di personaggi sofferenti mentre realizzava un album anti-hip hop. Dall'aura funeraria di Never alla giustapposizione di commedia e disperazione in When They People Cheer e Black Rock, alla natura desolante di Dark Trinity, appropriatamente intitolata, The Roots ha aggiunto un'aggiunta impressionante a un catalogo già leggendario con ... E poi spari a tuo cugino .

Quello che abbiamo detto allora:

Quest'ultima installazione del concept album dei The Roots potrebbe essere la loro più efficiente austera. Quando Black Thought interpreta abilmente il ruolo del ragazzo dispiaciuto di sé allo strip club che rimane lì abbastanza a lungo per godersi le ali calde, le cose raggiungono un nuovo livello emotivo. Da qualche parte nel periodo in cui il personaggio di Dice Raw ingerisce un cheeseburger e 40 once per colazione, le cose si abbassano. Come sempre, gli ospiti sono fusi per adattarsi all'ensemble.

Thoughtful_king-304-304x304.jpg

Re premuroso di Damani NKosi

Rilasciato: 02 giugno 2014
Etichetta: Auto-liberato
Posizione nel grafico più alta: N / A
Produzione: Warryn Campbell, Ric Rude, Jarius Mosey
Ospiti: BJ The Chicago Kid, Musiq Soulchild, Robert Glasper, Bad Lucc, Sid Sririam, Jess Delgado, Ill Camille, Oh No, Problem, S-Mak, Thurz

Dato che al momento stiamo assistendo a una rinascita della scena hip hop della West Coast, ha perfettamente senso che Damani Nkosi abbia attirato i fan con uno degli album più impressionanti dell'anno con Re premuroso . Non solo le canzoni stesse sono momenti indipendenti di qualità sonora, ma Nkosi va in profondità nelle sue radici africane e trasmette una narrativa avvincente. Anche se probabilmente non apparirà in nessun successo radiofonico di DJ Mustard, si può solo sperare che Nkosi continui a pubblicare materiale simile.

Quello che abbiamo detto allora:

L'ultima uscita degna di nota di Damani, l'album gratuito del 2010, Vacation From Vacation è andato e veniva con poco clamore. E in un mercato frustrantemente affollato, Re premuroso potrebbe condividere un destino simile. Sarebbe un peccato, dato che il prodotto di Inglewood, California, ha realizzato un album eccezionalmente eccellente intriso dei principi dell'hip hop. È accessibile praticamente a qualsiasi pubblico ma non compromette nulla. Quando sorgono conversazioni sui migliori album del 2014, gli ascoltatori potrebbero benissimo unirsi al signor Washington nel portare il nome di suo figlio.

TheseDays.jpg

Questi giorni… di Ab-Soul

Rilasciato: 28 giugno 2014
Etichetta: TDE
Posizione nel grafico più alta: #undici
Produzione: Purity Ring, Curtiss King, DJ Dahi, Kenny Beats, Dave Free, Tommy Black, Tae Beast, The Kathy, DNYC3, Like, Blended Babies, Terrace Martin, Sounwave, J. Cole, Rahki, Skhye Hutch, Larry Fisherman
Ospiti: SZA, Lupe Fiasco, Nikki Jean, Rick Ross, Short Dawg, Kendrick Lamar, Action Bronson, Asaad, RaVaughn, Jay Rock, Danny Brown, Delusional Thomas, JMSN, Daylyt

Una rapida scrematura di Questi giorni… molto probabilmente convincerebbe i fan più fedeli di Soulo che l'autoproclamato Bastardo dalle labbra nere aveva venduto la sua anima al mainstream. Ma in realtà il nativo di Carson ha pubblicato uno degli album più toccanti del 2014. Come Masta Ace negli anni '90 che lampeggiava sulle tendenze mainstream mentre faceva musica incredibile seguendo le stesse linee guida, Ab-Soul ha realizzato gran parte del materiale dell'album con il suo terzo occhio. Sulla chiusura, Ab tradisce l'armonizzazione per la rima mentre allo stesso tempo scambiava la classica canzone d'amore da spogliarellista per un riflesso personale di una relazione passata andata male. Con Nevermind, ha messo in mostra la sua intelligenza attraverso barre affilate che sono soffocate da un coro simile a un club. Con Just Have Fun, otteniamo un'atmosfera gioiosa, da inno di festa, immediatamente seguita da uno sproloquio deprimente che ricorda le canzoni degli schiavi. Questi giorni… è probabilmente l'album più intelligente di Ab fino ad oggi.

Quello che abbiamo detto allora:

Questi giorni ... alla fine si sente completo come un altro progetto adeguatamente dosato. Da qualche parte nell'album, Soul proietta la propria autostima: illuminazione da una vita bassa che è più che probabile alta. Ha lasciato che gli alti filtrassero maggiormente la rivelazione, e suona come un intrattenimento più accessibile del suo ultimo. Non è la chiamata alle armi che qualcuno si aspettava, ma Ab-Soul è così convincente come non lo è mai stato.

nobodys-smiling3-304x304.jpg

Nessuno sorride di Common

Rilasciato: 22 luglio 2014
Etichetta: Arts, Def Jam
Posizione nel grafico più alta: # 6
Produttori: No I.D.
Ospiti: Vince Staples, Jhene Aiko, Lil Herb, Cocaine 80s, Big Sean, Snoh ​​Aalegra, Dreezy, Malik Yusef, Elijah Blake

L'ultimo album di Common è stato incoraggiante, pieno di titoli di canzoni come Celebrate, The Believer e Blue Sky. L'uscita del 2011 è stata una riaccensione del suo illustre rapporto di lavoro con il collaboratore di lunga data No I.D. e in quel modo era una conferma che era il migliore da dove aveva iniziato. Con un intervallo di quasi tre anni tra gli album, c'è stato un sospiro di sollievo razionale e collettivo nella notizia che i due sarebbero ripresi da dove avevano lasciato Il sognatore / il credente e crea un album chiamato Nessuno sorride . L'intero album è in diretto contrasto con il sentimento della sua ultima pubblicazione: Dark, radicato nelle strade e cupo sin dall'inizio. In questo modo, Common ha sfruttato la sua voce sempre più potente come mai prima d'ora, sia facendo luce sulla triste circostanza della sua città natale, sia puntandola su un gruppo di giovani presentatori che esemplificano la sua disperazione.

Quello che abbiamo detto allora:

Nobody’s Smiling è provocatorio, tanto pieno di musicalità imponente quanto della provocazione di Common. Della sua recente produzione, merita di essere la più pubblicizzata da quel tesoro del 2005. È uno dei suoi migliori da quando ha iniziato, e come l'album stesso fa per l'attuale crisi di Chicago, questo la dice lunga.

flatliners 2017 data di uscita uk

megafilosofia-304-304x304.jpg

Mega filosofia di Cormgea

Rilasciato: 22 luglio 2014
Etichetta: Record Slimstyle
Posizione nel grafico più alta: N / A
Produttori: Professore grande
Ospiti: AZ, Redman, Styles P, Nature, Raekwon, Black Rob, Chantelle Nandi e Maya Azucena

Cormega , che ha attraversato l'underground rap in cui è stato esiliato per sempre in seguito alla sua controversa separazione con The Firm, rimane uno dei grandi rapper che acquisisce saggezza con l'età. C'è ancora molto da imparare dal presentatore intelligente di strada, e continua a tenere conferenze, anche adesso. Il suo sesto album in studio, Mega filosofia , che è stato prodotto interamente dal leggendario architetto beat di New York Professore grande , è una lezione su come evolversi senza separarsi completamente dalle proprie radici ed evitare la stagnazione rimanendo fermi. L'album brilla davvero quando Large Professor costringe Mega a uscire dalla sua zona di comfort, su canzoni come Industry, More e Rise. Ma è bello vederlo insieme a vecchi amici ( IL , Natura), anche.

Quello che abbiamo detto allora:

Mega filosofia è uno sforzo di collaborazione interamente prodotto dal Professore Grande, favorito della Golden Age, che dà buoni motivi per spiegare la sua continua longevità e quella di Cormega. Sebbene la maggior parte del progetto sia una partenza intenzionale dal boom bap, Honorable bussa abbastanza forte da accontentare i drogati della vecchia scuola. Qui Raekwon esalta la vita di strada mentre Cormega adotta l'approccio opposto, parlando dell'impatto positivo che la sua fede musulmana ha avuto sulla sua vita

1-directorphotography-304-304x304.jpg

Direttori della fotografia di Popoli dilatati

Rilasciato: 12 agosto 2014
Etichetta: Rhymesayers Entertainment
Posizione nel grafico più alta: # 41
Produttori: Evidence, DJ Babu, The Alchemist, DJ Premier, Jake One, Diamond D, Oh No, 9th Wonder, Bravo e Twiz The Beat Pro
Ospiti: Vince Staples, Aloe Blacc, Catero, Gangrene, Sick Jacken e Krondon

Dopo una pausa di otto anni, i Dilated Peoples sono tornati al Rap con Direttori della fotografia , uno sguardo lucido ai vecchi tropi attraverso una nuova lente avvolta strettamente insieme da un concetto sciolto e fluido. Ignora i margini sfocati del Rap contemporaneo a favore del minimalismo del Rap marginale che ignora il cambiamento delle maree. Evidence, Rakaa e DJ Babu sono cresciuti molto come individui da allora 20/20 , ma quella crescita non ha danneggiato la chimica (consulta brani come Let Your Thoughts Fly Away, Good As Gone e Cut My Teeth per prova), e insieme sbocciano nella migliore versione di Dilated Peoples creando una reinventazione a tutto tondo di lavori passati nel processo.

Quello che abbiamo detto allora:

Dal punto di vista dei testi, il contenuto è rinfrescante. Evidence e Rakaa frequentano le narrazioni introspettive e in prima persona. Fin dall'inizio su ogni traccia, tirano l'ascoltatore per le orecchie e lo afferrano. Quando si definisce un album hip hop denso di testi, ci sono molte sfaccettature coinvolte: messaggio, uso di paroloni, flusso e così via. Tocchi dilatati su tutti loro. Ad esempio, Evidence e Rakaa usano versi interconnessi in diverse occasioni (Let Your Thoughts Fly Away, Trouble). Tecnicità a parte, la provocazione del pensiero non è minimamente ostacolata dall'ascoltatore. In Good As Gone, Evidence raps, Elabora un piano e poi lo eseguo finché non sono indiscusso / Se il record non è mai stato dichiarato, ho mostrato i migliori miglioramenti / In un momento in cui i miei colleghi hanno rifiutato l'ho usato come booster / Ho usato la dedica come un vantaggio, non sono abituato ai perdenti.

mj_waters-304-304x304.jpg

Le acque di Mick Jenkins

Rilasciato: 12 agosto 2014
Etichetta: Free Nation, Cinematic Music Group
Posizione nel grafico più alta: N / A
Produttori: THEMpeople, THC, Da P, High Klassified, Dream Koala, OnGaud, Cam, Static Selectah, Spacetime, TJ Osinulu, DJ Dahi, Kirk Knight
Ospiti: The Mind, Jean Deaux, No Name Gypsy, Ebony, J Money, The Mind, Joey Bada $$

Le acque è la versione di Mick Jenkins del realismo morale di Native Tongues incarnato, e il presentatore di Chicago si è fatto un nome penetrando profondamente nei mali sociali attraverso la metafora. Cinematic Music Group, l'indie ad alto potenziale che presenta anche progetti di K.R.I.T e Joey Bada $$, ha individuato il giovane artista in erba come una continuazione del proprio panorama sonoro. E rappresenta solo una parte del ricco arazzo che è la scena hip hop di Chicago in questo momento. La sua ragion d'essere può essere più pura di altre, poiché attinge dal nucleo di ciò che significa avere qualcosa da dire: le fondamenta su cui è costruito l'Hip Hop come forma d'arte. Per quanto riguarda il futuro, dovremo tutti aspettare e vedere. Sceglierà la strada dei fratelli concreti del Comune, e non sarà sopraffatto dalle neoplasie che vede, o seguirà la strada del balbettante redentore, vagando da solo nel deserto moralista.

Quello che abbiamo detto allora:

L'apice del progetto arriva su Martyrs, che trasforma Strange Fruit di Billie Holiday in un lamento sull'uccisione insensata. Jenkins si blocca nella visuale, ma torna sfacciatamente ringhiando con il compagno di etichetta cinematografica Joey Bada $$ nel finale, Jerome. È liberatorio ma non esattamente celebrativo; Jenkins fa rap e chiede di vedere le mani in aria - più una minaccia che una formalità - mentre il finale stellare di Bada $$ adotta un ringhio squallido che ricorda Osirus nel '95.

hellcanwaitfinal-1-304x304.jpg

L'inferno può aspettare di Vince Staples

Rilasciato: 7 ottobre 2014
Etichetta: Def Jam Recordings
Posizione nel grafico più alta: N / A
Produttori: Anthony Kilhoffer, JGramm Beats, Infamous, No I.D., Hagler
Ospiti: Teyana Taylor

Quando Def Jam ha annunciato che No I.D. era stato nominato vicepresidente esecutivo di A&R nel 2011, è stata una boccata d'aria fresca e una piccola conferma che a volte la burocrazia del settore può ancora sfornare la crema fino in cima al barile. Il debutto ufficiale di Vince Staples su ARTium Records di No I.D. è stato uno dei progetti preferiti del produttore di Chicago pubblicato nel 2014, e il cortometraggio Hell Can Wait EP rapidamente guadagnato vapore per gentile concessione del cosign. No I.D. ha solo un credito di produzione nel disco, ma l'effetto lucido e stridente che l'EP ha mostrato è stato senza dubbio una testimonianza del suo mentore.

Staples potrebbe non essere una scelta ovvia per la proverbiale ossessione dell'Hip Hop per chi è il prossimo, e questo gli si addice. Le sue storie di vita da gang e di dinamiche familiari in rovina sono radicate nelle strade e la sua giovinezza esacerba la grinta. Ha un'ovvia abilità per la freddezza a cui non appartiene, ma i racconti di complotti di omicidi e spaccio di droga in casa sono sottolineati da un sentimento che vorrei che non fosse così. L'inferno può aspettare è pieno di vita come lo sa Staples e può ringraziare No I.D. per averlo aiutato a costruire una piattaforma così in crescita.

Quello che abbiamo detto allora:

Il momento migliore dell'EP, e quello che potrebbe essere il verso di spicco del rapper fino ad oggi, arriva nella seconda metà di 65 Hunnid. Tu solo / Macchina piena di negri ma tu solo / È ora di mostrare quanto ami i tuoi amici, rappa, per finire in una agghiacciante contemplazione pre-omicidio. L'alienazione di Staples è avvincente e c'è un'attenta e tragica complicità nella sua rivisitazione. Questo negro deve morire perché questa merda sopravviva, rappa in terza persona, un violoncello in sottofondo, prima di concludere se stesso più tardi, non c'è niente di sbagliato nella verità. C'è una banalità impassibile nella consegna di Staples che sostituisce l'esaltazione della violenza con la cupa circostanza con cui la giustifica.

rapsody-hard-to-choose-304x304.jpg

La bella e la bestia di Rapsody

Rilasciato: 17 ottobre 2014
Etichetta: Jamla
Posizione nel grafico più alta: N / A
Produzione: Nottz, Eric G, 9th Wonder, Khrysis
Ospiti: N / A

Si può ricordare l'Hip Hop nel 2014 per una moltitudine di motivi diversi, ma una cosa è certa è che gran parte della quota di mercato maschile è stata rubata da talentuose emcee. Ampiamente considerato come uno dei migliori parolieri del gioco, il veterano dell'underground Rapsody ha sicuramente raccolto alcuni follower su Twitter dopo averla rilasciata EP Beauty & Beast —Il suo progetto più solido fino ad oggi. Accoppiando l'influenza di Lauryn Hill con battute finali che avrebbero reso Jadakiss geloso, Rapsody ha pubblicato un album senza tracce ignorabili.

Quello che abbiamo detto allora:

La cosa migliore di Beauty and the Beast è che funziona perfettamente la maggior parte delle volte, mettendo in mostra una sinergia che esplode mentre la voce del talentuoso presentatore si inserisce ordinatamente all'interno di produzioni realizzate a mano per accentuare i suoi punti di forza. Aggiungete che, qui, è così visibilmente infastidita, rattristata e moralmente oltraggiata dall'attuale stato delle cose nel suo mondo, che scorre con uno scopo preciso, permettendo alla sua prodigiosa capacità lirica di trasparire.

underpressure_logic_304_1-304x304.jpg

Sotto pressione di Logic

Rilasciato: 21 ottobre 2014
Etichetta: Def Jam Recordings, Visionary Music Group
Posizione nel grafico più alta: # 4
Produttori: 6ix, Alkebulan, DJ Khalil, Dun Deal, Logic, S1, M-Phazes, DJ Dahi, Rob Knox
Ospiti: N / A

Logica è stato un presentatore intermedio per una manciata di anni, un tesoro dell'underground mentre ha ancora firmato un contratto con Def Jam. Sotto pressione è un titolo giusto per il suo debutto in una major in quel modo, una descrizione ovvia ma particolarmente calzante della sua circostanza. L'album stesso trova il nativo del Maryland in forma concentrata ed è intelligente e vulnerabile come sempre. Per la sua prossima uscita, merita di aprirsi un po 'di più e non dovrà più preoccuparsi di quella fastidiosa prima impressione.

Quello che abbiamo detto allora:

Ci sono moltissimi momenti che fanno sembrare Under Pressure un film sulla vita di Logic e, quando è al suo meglio, crea quel tipo di immagini. Buried Alive, prodotto da Dun Deal, valuta se la corsa al successo del rap valga davvero la pena. Vuoi davvero essere famoso? Vuoi davvero essere una superstar? si chiede. Il minaccioso Gang Related scava in profondità nella vita di strada e racconta che suo fratello ha venduto crack al proprio padre assente in tre tempi. Nella title track rappa i sentimenti inviati da sua sorella e dal suddetto padre prima di rispondere a tono. La traccia si chiude con veri messaggi vocali che incorniciano il suo successo con prospettiva. Istanze come queste rendono Under Pressure, il debutto consapevole di una giovane speranza che insegue la grandezza, un vero successo iniziale.

nuove canzoni d'amore r&b 2016

1-Cozz304.jpg

Cozz & Effect di Cozz

Rilasciato: 23 ottobre 2014
Etichetta: Dreamville Records
Posizione nel grafico più alta: N / A
Produttori: J. Morgan, D. Joseph, Mike Adam
Ospiti: Bas, J Cole, Ackrite libero, Enimal

Il nativo di Los Angeles è stato catapultato sotto i riflettori quest'anno dopo aver firmato per la Dreamville Records di J. Cole, e sta sfruttando al massimo l'opportunità. Un flusso allungato con una voce che risuona profondamente, Cozz ha iniziato a prendere sul serio la musica solo di recente, ma è già all'apice della celebrità. Cozz & Effect era un album pieno di flussi inciampanti e avvincenti sulla minacciosa produzione della West Coast, che mostrava la sua inclinazione per il vagabondaggio mentre si chiedeva. Il suo vantaggio è immenso, e se J. Cole fa da mentore al giovane presentatore correttamente, potremmo avere la stoffa di un'etichetta in erba da tenere d'occhio in futuro.

Quello che abbiamo detto allora:

L'ironia è che grandi quantità di Cozz ed Effect danno calci a più cliché delle Air Jordan a una convention di sneaker. Io sono Tha Man, ad esempio, inizia con Cozz che rappa su una relazione, poi si trasforma rapidamente in più rime sullo stile di vita. Per parafrasare: ho puttane e sto sorseggiando e faccio rap e sono il fottuto uomo! Dovresti chiedere in giro! Dkbu è essenzialmente costruito allo stesso modo. Murda, che viene fornito completo di riflessioni obbligatorie finto-reggae, corre lungo quella vena, meno i distici donnaioli.

run-the-jewels-rtj2-304x304.jpg

Esegui i gioielli 2 di Run The Jewels

Rilasciato: 24 ottobre 2014
Etichetta: Appello di massa, Sony RED
Posizione nel grafico più alta: #cinquanta
Produttori: El-P, Little Shalimar, Wilder Zoby, Boots
Ospiti: Zack de la Rocha, Boots, Travis Barker, Gangsta Boo, Dianne Coffee

Qualche anno fa, El-P e Killer Mike avrebbero potuto sembrare un accoppiamento arbitrario, ma il successo del prodotto interamente prodotto da Producto RAP. Musica da Mike nel 2012 (che ha vinto il secondo album dell'anno nel 2012), pubblicato pochi giorni dopo il disco solista di El, era la prova che avevano trovato qualcosa che valeva la pena scavare insieme. La prima uscita di Run The Jewels è stata rumorosamente futuristica e intelligente allo stesso tempo, intimidendo fino in fondo (che ha vinto il premio Album of the Year 2013 di DX). Questo secondo album è politicamente più pressante ed entrambi gli artisti hanno raddoppiato il loro impegno a galvanizzare un movimento in reazione a una serie di uomini neri uccisi dalla polizia bianca. Esegui i gioielli è anti-cazzate, arrabbiato e pronto a esplodere. Nessun altro album nel 2014 ha catturato quei sentimenti così duramente quando ne avevamo più bisogno, e di conseguenza un paio di 39enni sono emersi rapidamente come modelli politici retti.

Quello che abbiamo detto allora:

RTJ è qui per le masse, nonostante il duo molto probabilmente non vedrà mai le luci della radio Top 40. Indipendentemente dalle terribili decisioni dei disc jockey in tutto il mondo, ci si può tranquillamente aspettare che il gruppo continui a sondare le questioni sociali che la maggior parte dei rapper evita per tutto il tempo astenendosi dai banali approcci sonori dei loro contemporanei - ma soprattutto, fanno musica scintillante nel processo .

canzoni hot r&b e hip hop

dj_quik _-_ the_midnight_life_ (official_album_cover) -304x304.jpg

Midnight Life di DJ Quik

Rilasciato: 26 ottobre 2014
Etichetta: Mad Science
Posizione nel grafico più alta: # 63
Produzione: DJ Quik
Ospiti: El Debarge, TayF3rd, David Blake II, Bishop Lamont, Keisha Smith, Dom Kennedy, Suga Free, Eboni Foster, Mack 10, Robert Fonksta Bacon, Tweed Cadillac, Joi

Non ci sono molti rapper / produttori che possono incorporare un banjo in una traccia (That Nigga’z Crazy) e farlo sembrare hip hop, ma DJ Quik è un'anomalia in più di un modo. Con La vita di mezzanotte , Quik lo seguì Il libro di Davide Delle orme di un mix di suoni contemporanei con il suono funky G-Funk che ha perfezionato negli anni '90. Nessuno che abbia seguito la leggendaria carriera dell'artista ha l'impressione che la leggenda di Compton sia presente solo per i soldi, ma Quik lo chiarisce su brani come Puffin ’The Dragon e Trapped On The Tracks. Si collega con il collaboratore di lunga data Suga Free su Broken Down e Life Jacket, non sorprende che due dei tagli più forti dell'album. In meno di 60 minuti, Quik ci ricorda ancora una volta perché quando tutto sarà stato detto e fatto, diventerà uno degli artisti più innovativi di sempre.

Quello che abbiamo detto allora:

Midnight Life riporta nuovamente lo sguardo di Quik verso l'interno; nel terzo decennio della sua carriera, continua a produrre nuovi suoni, rompendo piccoli pezzi di terreno nel processo. È anche un promemoria che se Quik si attiene alla sua parola e si chiude dopo il suo prossimo e decimo album, perderemo tutti momenti come questi. Probabilmente tornerà nell'ombra in entrambi i casi, ma è sempre stato un tipo diverso di divertimento fare festa con lui invece che misteriosamente a causa sua.

blackmilkhell-304-304x304.jpg

Se c'è un inferno sotto di Black Milk

Rilasciato: 28 ottobre
Etichetta: Computer Ugly, Fat Beats
Posizione più alta nel grafico: N / A
Produttori: Latte nero
Ospiti: Mel, Blu, Ab, Pete Rock, Gene Obey, Random Axe e Bun B

Per la maggior parte dell'ultimo decennio, il produttore di Detroit Black Milk è stato un trampolino di lancio per i tecnici di altissimo livello. Ha prodotto interi progetti per Elzhi, Sean Price e Guilty Simpson (come Random Axe), Monsignor Lamont , e Danny Brown, e cosparso di offerte per una miriade di altri presentatori. Rimane anche lui stesso un paroliere sottovalutato, realizzando, in particolare, pubblicazioni promettenti come quella dell'anno scorso Nessun veleno, nessun paradiso . Continua la sua serie di successi con Se c'è un inferno sotto , un album che si diletta in suoni oscuri come suggerisce il titolo. La produzione è ancora più vasta e intricata rispetto alle versioni precedenti, espandendosi su vecchie idee sia attraverso la reinvenzione che la reinterpretazione, e lui è in costante miglioramento come rapper, imparando quando troppo rap è eccessivo, annullando l'efficacia di un grande paesaggio sonoro. Durante l'intero corso di Se c'è un inferno sotto , Black Milk esplora il panorama sonoro per creare basi sonore affascinanti su cui flettere le sue capacità liriche migliorative.

Quello che abbiamo detto allora:

La produzione è sia entusiasmante che superba. Ogni battuta è specifica per l'ascoltatore e non ci sono due tracce che suonano allo stesso modo. Nella maggior parte dei casi, la batteria determina il tempo e gli strumenti sono stratificati di conseguenza. New Dance Show di Detroit è un club banger istantaneo che fonde elementi di Pop anni '80 e Drum & Bass, mentre Hell Below è solo strumentale, che ricorda stilisticamente il Madlib's Sfumature di blu . In quest'ultimo, grazie alla sua vasta conoscenza della strumentazione dal vivo e delle abilità ingegneristiche, il ritmo è una dimostrazione della capacità dei Black Milk di creare una complessa traccia strumentale che trascende le nozioni tradizionali di Hip Hop.

cadillactica_304-304x304.jpg

Cadillactica di Big K.R.I.T.

Rilasciato: 10 novembre 2014
Etichetta: Def Jam, Cinematic Music Group
Posizione nel grafico più alta: # 5
Produttori: Alex da Kid, Big K.R.I.T., DJ Dahi, DJ Khalil, Finatik & Zac, Jim Jonsin, Raphael Saadiq, Rico Love, Terrace Martin
Ospiti: Raphael Saadiq, Rico Love, E-40, Wiz Khalifa, Mara Hruby, Big Sant, Bun B, Devin The Dude, Jamie N Commons, Lupe Fiasco, A $ AP Ferg

Big K.R.I.T. è da anni uno dei preferiti dai fan. I suoi seguaci sono stati soprattutto in debito con i mixtape simili a un album che ha pubblicato fino alla firma della sua major nel 2010. Con il suo accento del Mississippi e un debole per il basso nostalgicamente incorniciato come biglietto da visita della carriera, K.R.I.T. ha offerto ai fan una versione più sofisticata e ricca di sfumature del Southern Hip Hop del 21 ° secolo nel suo album più recente Cadillactica . Il concept dell'album è una vestibilità comoda e comoda e K.R.I.T. di conseguenza non è impantanato. Affidare la produzione a un team di professionisti qualificati è stata la partenza artistica più ovvia Cadillactica per l'autoproclamato King Of The South, e di conseguenza non è mai sembrato così capace al microfono.

Quello che abbiamo detto allora:

Senza appoggiarsi all'indietro, si sta spingendo contro se stesso arruolando Dahi, Raphael Saadiq e Terrace Martin. C'è un passaggio consapevole alla musica e alla strumentazione originali qui che suggerisce dove K.R.I.T. si sta dirigendo anche lui. Con Cadillactica ha trovato il suo passo facendo nuovi passi. K.R.I.T. non ha dormito, ma ha dimostrato ancora una volta che dovrebbe avere un carro più grande ormai. Una volta che lo fa, getterà una quindicina di quindici nella schiena e la manterrà in movimento.

PRhyme_304

PRhyme di PRhyme

Rilasciato: 9 dicembre 2014
Etichetta: PRhyme Records
Posizione nel grafico più alta: # 59
Produttori: DJ Premier
Ospiti: Ab-Soul, Mac Miller, Dwele, Common, Jay Electronica, ScHoolboy Q, Killer Mike, Slaughterhouse

PRhyme doveva accadere. DJ Premier ha aiutato Royce Da 5’9 a creare alcuni dei brani più grandi e migliori della sua carriera, da Boom a Shake This, e nel frattempo sono stati lasciati accenni a una collaborazione completa. Royce si trova in un posto completamente diverso rispetto a cinque anni fa: parte di un gruppo, sobrio, calmo. PRhyme pone Primo fermamente fuori dalla sua zona di comfort come produttore, costretto - o privilegiato - a campionare esclusivamente dalla musica originale di Adrian Younge. Eppure, in un anno pieno di espansione sperimentale per l'Hip Hop, PRhyme si inserisce piacevolmente all'interno di una scatola. Non è eccessivamente prevedibile, ma PRhyme è esattamente quello che volevamo da questi due grandi.

Quello che abbiamo detto allora:

Quando è più sincronizzato, PRhyme è una mente alveare che evoca proiezioni del passato, una macchina ben oliata che produce un marchio di revivalismo rap degli anni '90 che non sembra mai datato. Quando Royce Da 5’9 rappa al fianco di ScHoolboy Q e Killer Mike (che si erge sugli stessi principi rap di Royce, ma con un atteggiamento più inclusivo) sui brillanti Underground Kings, è comodamente a casa.

j-cole-2014-forest-hills-drive_304

2014 Forest Hills Drive di J. Cole

Rilasciato: 9 dicembre
Etichetta: Dreamville, Roc Nation, Columbia
Posizione più alta nel grafico: # 1
Produttori: J. Cole, Vinylz, Illmind, Willie B, Cardiak, Pop Wansel, Nick Paradise, Dre Charles, Team Titans, Phoenix Beats e JProof
Ospiti: Nessuna

Ci sono poche imprese più impressionanti nel rap nel 2014 di J. Cole che ha mosso circa 350.000 nella prima settimana con il suo terzo album in studio, 2014 Forest Hills Drive , dopo nessun singolo radiofonico e nessun promo. In effetti, la rapida inversione di tendenza parla dell'importanza di costruire una base con la relatività e la forza di riunire i fan attorno a qualcuno in cui credono. Ma al centro dei numeri formidabili c'è una rinascita verso la creazione di musica che lo ha reso un fan- preferito in primo luogo. Quando prende colpi agli altri rapper di spicco della sua generazione - Drake e Kendrick Lamar - il 28 gennaio, una data di nascita che condivide con il dio emcee Rakim, sembra molto meno ridicolo sostenuto da questo album di grande dichiarazione. 2014 Forest Hills Drive è forse il migliore J. Cole sia mai stato, sia producendo (G.O.M.D.) che rappando (A Tale of 2 Citiez, Fire Squad), ed è tutto un ritorno a casa.

Quello che abbiamo detto allora:

Ci sono molte cose che si possono dire su J. Coles ' 2014 Forest Hills Drive . È ambizioso, stravagante e semplicistico. Prova i colpi di scena e esce corto (Wet Dreamz), e si attiene alla strategia di Cole invece di cambiarla drasticamente. È meno artistico di quanto significhi essere, ma è più vero di qualsiasi cosa abbia mai fatto. La sua narrativa, i tropi e le strategie sono completamente superati dalla terrificante integrità dell'album. È immensamente riconoscibile perché non ha paura di essere banale e cliché´. Non si sottrae all'esperienza media; lo abbraccia e, in qualche modo, ti fa sentire come se fossimo tutti coinvolti in questo insieme. E in quest'epoca di falsa ironia e di schiacciamento dell'esperienza in eventi individuali preconcetti in cui tutti crediamo di essere così diversi e così speciali, è affascinante vedere un artista approfondire così senza paura ciò che è completamente familiare.

Ghostface_36Seasons

36 stagioni di Ghostface Killah

Rilasciato: 9 dicembre 2014
Etichetta: Tommy Boy Records
Posizione nel grafico più alta: # 94
Produttori: Fizzy Womack, The Revelations, Malik-Abdul Rahmaan e The 45 King
Ospiti: Kool G Rap, AZ, Tre Williams, Kandance Springs, Rell, Nem, Shawn Wigs, Pharoahe Monch e The Revelations

Non c'è molto da fare per Ghostface dopo Hombre de Hierro e Clientela suprema e Spina di pesce e anche il magnifico dell'anno scorso, accompagnato da Adrian Younge Dodici motivi per morire , ma arranca costantemente in avanti come se ci fosse ancora altro da dimostrare. Il suo ultimo, 36 stagioni , è un concept album che porta avanti l'eredità delle uscite precedenti: Tony Stark (il suo alter ego) torna a casa sua, Staten Island, in cerca di pensione, ma trova difficile lasciare il gioco. Lo storytelling colorato è sempre stato il più grande punto di forza del Wu-Tang e quando viene riempito in spazi ristretti con altri osservatori multisillabici come AZ (Double Cross, Pieces To The Puzzle), Kool G Rap (Loyalty) e Pharaohe Monch (Emergency Procedure) lo è spinto al limite creando una narrativa vivida che si dipana magistralmente con colpi di scena, svolte e immagini eccellenti.

Quello che abbiamo detto allora:

Prevedibilmente, l'album è ridicolmente lirico. I fan dell'hip hop di tutte le passeggiate saranno contenti della presenza di veterani come IL (che rappa in cerchio intorno alla maggior parte dei suoi colleghi rap) su cinque tracce, Kool G Rap (l'OG e la dinamo lirica) su tre e Pharoahe Monch. Ciascuno degli artisti sopra menzionati, Ghostface incluso, suonano vocalmente come se stessi 20 anni fa. Accanto ad AZ e Kool G Rap su The Battlefield, Ghostface sputa: E il mio nome è svanito come dei vecchi dannati calzini / Voglio rispetto, queste strade una volta erano il mio parco giochi / Ero il Mack al 110 ° posto in queste acrobazie / Nemmeno una volta sarebbe un negro mettimi alla prova o diventi piccante / camminavo per strada e starnutivo, mi benedicevano tutti. Queste parole sono specifiche per la storia che viene raccontata, ma funzionano anche nel contesto del gioco Rap di oggi.